I cibi più pericolosi per lo stomaco. I 10 migliori antieroi

I dieci alimenti più pericolosi per lo stomaco

 

carne cruda

Stroganina di cervo, tartare di manzo: queste righe nel menu del ristorante sembrano allettanti ed eleganti? Eppure la carne cruda è spesso una via diretta all’intossicazione alimentare causata dai batteri che vivono in essa. A causa della mancanza di trattamento termico nella carne e nel pollame, si sentono benissimo, ma possono avere l’impatto più negativo sul benessere di una persona.

riso bianco

Sapete a cosa serve l’aceto quando si cucina il riso nei ristoranti in Giappone? Disinfettano il riso bollito – il fatto è che durante il raffreddamento del piatto, i batteri Bacillus cereus si moltiplicano sulla sua superficie, il che può portare a malattie gastriche acute. A casa, se il riso viene mangiato subito, non succederà nulla di male, ma non dovresti conservare a lungo il riso bollito rimanente.

germe di grano

Sembrerebbe, come un prodotto così utile può danneggiare la tua salute? Il fatto è che contiene una lectina proteica. Reagisce con le molecole di zucchero nel corpo e può causare problemi al tratto gastrointestinale, danneggiando la mucosa gastrica. Pertanto, gli esperti sconsigliano di mangiare grano germogliato a bambini e persone con problemi gastrointestinali.

Verdure, erbe e frutta

Pensi che verdure, erbe e frutta prelavate ti faranno davvero risparmiare tempo? Forse, ma possono essere dannosi per la salute. Da un lato, sono stati lavati in fabbrica, confezionati in bellissimi sacchetti e completamente preparati per il consumo. D’altra parte, potrebbe non essere stato fatto abbastanza bene. Di conseguenza, sulla superficie rimangono particelle di terreno, fertilizzanti e uova di verme. Inoltre, i batteri prosperano in un ambiente umido. Aggiungiamo verdure ed erbe aromatiche a un’insalata con maionese e i batteri crescono a passi da gigante. E ti viene garantita una lotta con un’infezione intestinale se il piatto si trova un po ‘fuori dal frigorifero.

Funghi

Tutti conoscono il pericolo dei funghi: sono facili da avvelenare. La “caccia silenziosa” è un’esperienza piacevole, tranne per il fatto che anche un raccoglitore di funghi esperto non è sempre facile distinguere tra funghi non commestibili e commestibili. Ad esempio, il fungo bianco – un doppio di champignon della foresta provoca avvelenamento, che si manifesta solo dopo tre giorni. Ma anche nel negozio c’è la possibilità di imbattersi in dubbi doni della foresta. I funghi tendono ad assorbire sostanze chimiche e, se non sappiamo dove sono stati raccolti, c’è il pericolo che i funghi possano crescere vicino alle autostrade o alle fabbriche. E, quindi, in essi si possono trovare sali di metalli pesanti o sostanze tossiche.

Prodotti ittici e frutti di mare

Le prelibatezze di mare sono gustose e insidiose allo stesso tempo. Parassiti e fitotossine possono portare a gravi avvelenamenti. Il pesce, se conservato in modo errato, accumula istamina e provoca una reazione allergica.

Uova e loro prodotti

Chiunque abbia mai cucinato ha sentito parlare della necessità di lavare accuratamente i gusci d’uovo prima dell’uso. A causa del fatto che le uova possono contenere salmonella, è consigliabile portarle alla piena prontezza. A volte anche una cottura prolungata non porterà un effetto disinfettante.

Latte crudo e prodotti lattiero-caseari

Il latte crudo ci sembra più naturale, quindi, più utile. Ma la bevanda non pastorizzata contiene agenti patogeni pericolosi: non tutti muoiono durante la produzione di altri prodotti lattiero-caseari. La produzione del formaggio, ad esempio, non pregiudica la presenza di Listeria nel prodotto, quindi i derivati ​​del latte crudo, come la ricotta e il formaggio, non sono meno pericolosi.

Gelato

Cosa c’è di sbagliato in questo dolce? Non solo il pericolo di ingrassare. Si scopre che in esso, come in altri prodotti lattiero-caseari, si possono trovare batteri patogeni. I fan del gelato sfuso dovrebbero pensare alle loro preferenze: i vassoi di conservazione sono pieni di pericoli: loro e il cucchiaio per raccogliere non sono sempre usa e getta e sterili. Se, per qualche motivo, il vassoio del dessert è stato ripetutamente congelato, aumenta il rischio di contrarre un’infezione intestinale.

Panna acida e salse alla panna

Le insalate imbevute di salse sono decisamente più gustose e succose. Ma in un giorno o due riescono non solo a infondere, ma diventano anche un terreno fertile per i microbi. Burro e panna acida dovrebbero essere aggiunti ai piatti prima di servire. Altrimenti rischi di essere avvelenato. Gli chef professionisti consigliano di bollire le zuppe se sono state aggiunte panna acida o burro.